LA STORIA DEL NOSTRO VINO

Nascosta e protetta dal famoso monte Maiella, nell’Appennino abruzzese, sorge l’azienda vinicola di Nicola Santoleri. Paesi pittoreschi dove i calanchi incorniciano il paesaggio intorno ai vigneti di Crognaleto.

Per fare un vino eccezionale bisogna iniziare dalle radici. Per oltre 50 anni la famiglia Santoleri ha piantato e potato le loro viti seguendo le più antiche tradizioni ed usato sul terreno metodi biologici (fertilizzanti naturali). L’azienda vinicola, produce due tipi di uve per l’imbottigliamento, il Montepulciano D'Abruzzo e il Trebbiano D'Abruzzo.

 

La Cantina è situata nel cuore della città medievale di Guardiagrele, la struttura, costruita nel 1700, ospita 25 botti (20 - 25 hl) di rovere di Slavonia. Fuori è appesa una targa in memoria del maestro del Montepulciano d’Abruzzo, Nicola Santoleri morto prematuramente nel 2007.

Le grandi porte di legno e la dolce melodia della musica di Mozart riassumono il mezzo secolo di storia del Santoleri. Una storia tramandata per generazioni ed ora raccontata da Giovanni Santoleri. Nell’azienda Santoleri la qualità non è mai compromessa, la pazienza è una consuetudine, ed il risultato con l’aiuto di madre natura, è la produzione di un vino eccezionale.

Az.Agr.

NICOLA SANTOLERI

REGIONE ABRUZZO

L’Abruzzo conosciuto come il polmone d’Europa è una delle regioni più produttive di vino e pur ancora oggi sottovalutata. La regione è situata al centro dell’Italia in un’unica topografia, grazie alla presenza del Parco Nazionale della Maiella e del Parco Nazionale del Gran Sasso da una parte e alle acque blu del mare Adriatico dall'altra. La città di Pescara è situata nella parte est dell’Abruzzo e dista solo due ore da Roma. La maggior parte delle aziende vinicole in Abruzzo, circa 200, sono situate vicino alle montagne dove si crea la condizione ideale per la crescita dell’uva rossa del Montepulciano d’Abruzzo (da non confondere con il il rosso Montepulciano della Toscana) e dell’uva bianca del Trebbiano d’Abruzzo.

 

L’uva nobile di Abruzzo fu coniata Montepulciano d’Abruzzo nel 1700 e fu per la prima volta commercializzata nel 1821. Nonostante le normativa che legalizza l’uso della percentuale minima di uva Montepulciano (85% nei vini Montepulciano d’Abruzzo), l’azienda Nicola Santoleri con un piccolo gruppo di produttori di vini nella regione d’Abruzzo ha deciso di utilizzare il 100% di uva di Montepulciano per la produzione dei propri vini. L’uva Montepulciano d’Abruzzo è versatile ed è l’espressione della tipologia del terreno delle 4 provincie dell' Abruzzo: l’Aquila (rigida), Chieti (minerale), Pescara (salata) e Teramo (verde). L’azienda di Nicola Santoleri maestra del vino Montepulciano è orgogliosa della sua filosofia “slow wine”. Per la produzione dei suoi vini d’annata il vino viene invecchiato per 10 anni tra  botti di quercia poi riposa per lungo tempo in bottiglia prima di essere presentato.

© 2020 Azienda Agricola Nicola Santoleri di Giovanni Santoleri - Via Cavalieri, 20 66016 Guardiagrele (CH) P.Iva: 01851350684 Proudly created with Ag Fenix.net

  • Santoleri Vini
  • Santoleri Vini
  • Google+